Menu

Rapido peggioramento, ma occhio al weekend..

Dopo la breve rimonta caldo-umida che nelle ultime 24 ore ha investito la nostra penisola, determinando rovesci sparsi e nevicate al di sopra dei 2000 metri, la situazione è destinata a mutare nuovamente dalla mattinata di oggi, quando aria più fredda di estrazione Artico marittima affluirà dalle regioni di nord ovest verso la nostra penisola.

Questa causerà la formazione di instabilità diffusa con rovesci sparsi che interesseranno tutte le regioni a macchia di leopardo (più intensi nelle zone interne a ridosso della catena appenninica) e con la neve che tornerà finalmente a fare la sua comparsa a quote medio-alte (1200-1400 metri).

Il tutto sarà accompagnato da venti forti dai quadranti nord occidentali che, lungo le coste Tirreniche e a ridosso della dorsale appenninica sotto vento, potranno raggiungere i 40-70 km/h.

Le condizioni meteorologiche saranno poi in miglioramento nella giornata di giovedì, con le temperature che riprenderanno qualche grado soprattutto nei valori diurni.

Un nuovo peggioramento del tempo di stampo decisamente invernale sembra ipotizzabile a cavallo tra il weekend e l'inizio della prossima settimana, quando un nuovo impulso di aria Artica marittima investirà le noste regioni questa volta in modo più deciso e duraturo.

Tuttavia vista la distanza temporale urgono conferme nelle prossime 24-36 ore prima di poter affermare con certezza l'arrivo del prossimo peggioramento.

Proprio per questo vi invitiamo a rimanere costantemente aggiornati.

Meteo Centro Italia,

Gianni Ferri Bontempi

i nostri partner