Menu

Secondo la NASA il 2018 è stato il quarto anno più caldo dal 1880

Secondo la NASA, e in accordo anche con i dati della NOAA, il 2018 si è perfettamente inserito all'interno di una tendenza al riscaldamento costante del pianeta, andandosi a classificare come il quarto anno più caldo dal 1880 a oggi.

La temperatura globale, nel 2018, è stata 0,83°c sopra le medie del XX secolo, secondo gli scienziati del oddard Institute for Space Studies (GISS) della NASA a New York; anche se merita di essere specificato come il 2018, nonostante risulti il quarto anno più caldo degli ultimi 150 anni, sia stato comunque più freddo rispetto agli ultimi tre: 2015, 2016 e 2017. 

Il direttore del GISS, Gavin Schmidt, specifica che "dal 1880 la temperatura media della superficie globale è aumentata di circa 2 gradi Fahrenheit (1 grado Celsius). Questo riscaldamento è stato guidato in gran parte da un aumento delle emissioni nell'atmosfera di anidride carbonica e altri gas serra, causati da attività umane". 

Ovviamente l'aumento termico subisce numerose differenziazioni regionali, a causa di microclimi e modificazioni meteo climatiche su larga scala differenti. 

Vediamo quindi che le tendenze al riscaldamento sono più forti nella regione artica, dove il 2018 ha visto la continua perdita di ghiaccio marino. Inoltre, la perdita di massa dalle calotte glaciali della Groenlandia e dell'Antartico ha continuato a favorire l'innalzamento del livello del mare. Va poi aggiunto come l'aumento della temperatura terrestre può anche contribuire a stagioni di fuoco più lunghe e ad eventi meteorologici estremi.

Schmidt ha proseguito dicendo:" che gli impatti del riscaldamento globale a lungo termine sono già stati avvertiti - inondazioni costiere, ondate di calore, precipitazioni intense e cambiamenti nell'ecosistema con ripercussioni anche su flora e fauna".

La NASA, per effettuare le sue misurazioni, si avvale di ben 6.300 stazioni meteorologiche di terra, osservazioni marine attraverso navi e boe, oltre che di misurazioni sulle temperature dell'Antartide effettuate da appositi centri di ricerca. 

 

28-02-2019

 

Gianni Ferri Bontempi